Recensione di Neato Robotics D9: il robot premium che non merita?

Il Neato D9 Robotics potrebbe rivelarsi un robot che fa sperare in una buona affidabilità e in prestazioni di aspirazione onorevoli. Il marchio a volte sopravvaluta i suoi prodotti, ed è per questo che ci siamo presi tutto il tempo necessario per questo test.

Questo test basato sulle reali qualità del robot nelle condizioni più fedeli possibili ci ha permesso di costruire un’opinione sul Neato Robotics D9. Potete giudicare voi stessi se è davvero all’altezza della concorrenza. Ricordiamo che questo modello, sebbene costoso, è solitamente in offerta speciale. Lo troverete quindi scontato del 30%, un buon investimento per acquistare un robot aspirapolvere innovativo ed economico.

Caratteristiche e specifiche

Pressione di aspirazione NA
Peso 4,71 kg
Livello di rumore 58 dB in modalità Eco
64 dB in modalità Max
Serbatoio 0,7 L
Autonomia 1 ora e 40 minuti
Tempo di ricarica 3 h
Funzioni collegate – App MyNeato
Tecnologie integrate – Sensori anticollisione e anticaduta
– Sistema di mappatura
Funzione mop No
Pulizia programmata
Ricarica automatica
Tipo di batteria Ioni di litio
Dimensioni (LxLxH) 32,3 x 33,6 x 10,1 cm
Pulizia delle superfici piastrelle, parquet, marmo, moquette, tappeti…
Avviso Leggi l’avviso
Garanzia 2 anni

Neato Robotics D9 Design e layout

Il colore nero ha il vantaggio di esaltare la lucentezza di questo robot ed è facile capire perché la scelta è stata fatta rapidamente. La forma a D è tutt’altro che insignificante ed è stata scelta per facilitare lo spostamento del dispositivo durante la pulizia. Inoltre, consente l’accesso ad alcuni angoli che a volte sono limitati per altri modelli concorrenti.

In parole povere, il design è di gran lunga uno dei più belli che abbiamo avuto finora. Da vicino, sembra che il robot abbia un sottile rivestimento marmorizzato. Per un peso di 4,71 kgSe si utilizza il dispositivo, è necessario lasciare almeno 10-15 cm di spazio o più per riporlo correttamente.

Comodità d’uso

Il robot aspirapolvere Neato Robotics D9, con la sua forma a D, permette di raggiungere facilmente molti angoli e pareti. L’obiettivo del marchio è quello di aspirare meglio i rifiuti. La differenza tra i robot circolari come Dreame D9 Max, che occupano la maggior parte del mercato, è evidente.

Sotto il cofano, c’è un comando dedicato per spegnere e accendere il robot. Quando si preme il pulsante “i”, il robot inizia a parlare e fornisce informazioni globali. Dati quali: accensione, stato della batteria, carica…

Poco distante, ci sono due spie luminose. Una indica il livello della batteria e l’altra fornisce informazioni sulla connettività del dispositivo tramite la rete Wi-Fi. Naturalmente, il robot deve essere connesso al Wi-Fi per poter essere collegato all’applicazione MyNeato. Il processo di accoppiamento utilizzato dai robot rimane lo stesso.

Mentre i passaggi per utilizzare il robot sono abbastanza semplici, il sistema per aprirlo con entrambe le mani non lo è altrettanto. Per svuotare completamente il collettore è necessario rimuovere prima il filtro, il che potrebbe comportare un onere di manutenzione.

È un peccato che l’utente sia costretto a svuotare costantemente il collettore. Non c’è alcun segnale di avvertimento per lo svuotamento. Avremmo preferito che il sistema fosse più ottimale sotto questo aspetto, come nel caso del robot aspirapolvere Ultenic T10.

Capacità di aspirazione

Questa parte è stata la più lunga del nostro test. Abbiamo comunque cercato di chiarire le prestazioni del robot aspirapolvere Neato Robotics D9. Essendo stato elevato al rango di aspirapolvere di qualità superiore, non taceremo: il marchio Neato avrebbe potuto fare di meglio.

Ad esempio, su un pavimento duro, il robot impiega circa 17 minuti per aspirare tutti i residui sparsi sull’intera superficie. Questo purtroppo lo rende il robot più lento del nostro test comparativo. A titolo di confronto, il Deebot Ozmo 950 di Ecovacs ha una media di 4 minuti e 46 secondi sulla stessa area per ottenere gli stessi risultati.

Aspirazione di peli di animali-bricioleNonostante la sua lentezza, il robot riesce a pulire la maggior parte dei detriti.

Su un tappeto spesso, il robot, sebbene ancora lento, migliora la velocità. Per il 75% dei rifiuti sono necessari 16 minuti. Ad essere sinceri, siamo rimasti ancora una volta delusi, soprattutto dall’icona di un robot. Inoltre, nel bel mezzo di un test, a volte si fermava senza motivo nel mezzo dell’area da pulire prima di riprendere.

A volte, nel bel mezzo della pulizia, tornava alla sua base da solo, anche se i rifiuti a terra erano ancora lì. Tuttavia, abbiamo impiegato diversi minuti prima di riuscire a far funzionare di nuovo il robot. Non conosciamo ancora la vera causa di questo malfunzionamento. Allo stesso modo, l’aspirazione si è fermata di fronte a una scala.

Tutte queste osservazioni precedenti ci portano a pensare che il robot non sia necessariamente in grado di evitare tutti gli ostacoli. Spazi troppo regolari e ingombri possono ridurre le prestazioni di aspirazione. Su tappeti e aree molto sporche, invece, è consigliabile utilizzare la modalità Boost per ottenere i migliori risultati.

Necessità di 26 minuti per coprire la pulizia su 25 m2La lentezza è sicuramente una delle sue caratteristiche. Tanto più che alcuni concorrenti, pur essendo lenti, riescono a farlo in 17 minuti. Il modello Rowenta X-Plorer Serie 75 RR7687RH, ad esempio, è due volte più veloce e garantisce risultati migliori.

Sistema di navigazione

Ammettiamolo, il robot aspirapolvere Neato Robotics D9 a volte è in difficoltà ad orientarsi. Inoltre, non era in grado di utilizzare la navigazione avanzata per migliorare i propri movimenti. L’aspirazione in alcuni momenti è stata interrotta proprio a causa della mancanza di precisione del sistema di navigazione.

cartografia-robot-aspirazione-roboticaNonostante la mappatura media, evita gli ostacoli e le cadute

Quando non si ferma nel mezzo di una stanza per una pseudo-osservazione, fa diversi passaggi sulle stesse aree. Il vero problema è il ritorno alla base, ricordiamo che su 5 tentativi è riuscito tre volte.

Per farla breve, la navigazione è di gran lunga il punto di forza di questo robot. Con alcune gravi carenze, il produttore sta vivendo un momento difficile. Tuttavia, riesce a evitare gli ostacoli e le scale.

Considerando il prezzo del Neato Robotics D9, pensiamo che il marchio avrebbe potuto migliorare la mappatura. Un’analisi più dettagliata ne aumenterebbe l’accessibilità. L’unica mappa registrata durante il test mancava di precisione e di dettagli importanti. In confronto, la Yeedi Mop Station ha un sistema di navigazione molto equilibrato.

Livello di rumore

In base a questo criterio, il Neato Robotics D9 merita un posto nella classifica del silenzio medio. In modalità Eco, considerata la più bassa, è emette un livello di rumore di 58 dB. In modalità Boost, vengono registrati 64 dB.

Non diremo che è il meno silenzioso quando il robot Amibot Spirit emette in media solo 50 dB. L’utente non si lamenterà più di tanto, se non per la lentezza del robot che, per le superfici più estese, emette un fischio che si sente per più di un’ora. Questo potrebbe diventare restrittivo.

Autonomia

Per noi è stato particolarmente difficile determinare esattamente le prestazioni della batteria. Fermandosi più volte, per motivi sconosciuti o volendo tornare ogni volta alla base, è difficile da seguire.

Ciononostante, siamo riusciti a calcolare un’autonomia di 1 ora e 40 minuti in modalità Eco. Si tratta di quasi la metà di quanto previsto dal produttore al momento dell’annuncio (3 ore). Per quanto riguarda la ricarica completa, sono necessarie fino a 3 ore.

Applicazione e connettività

Tutto inizia con l’accoppiamento, che è un processo molto semplice. Nonostante i quindici minuti circa necessari per la connessione l’applicazione My Neato al robot, il tutto è comunque ben congegnato. Durante questo periodo di 15 minuti, l’applicazione aggiorna il dispositivo e controlla gli elementi di base. La prima osservazione: l’ergonomia è troppo elementare.

navigazione-applicazione-robot-aspiratore-D9L’applicazione robot va al sodo con menu facilmente accessibili

Le funzionalità sono limitate, il marchio non ha voluto sbizzarrirsi con molteplici opzioni come la concorrenza. Abbiamo accesso solo a due poteri di pulizia. Non è necessario allineare le modalità di aspirazione sul menu, qui due sono più che sufficienti.

Inoltre, è possibile interrompere la pulizia in corso, se necessario, o avviarla a distanza. Almeno, il robot aspirapolvere Neato Robotics D9 consente di creare diverse routine di pulizia. Sta a voi decidere se farlo quotidianamente o settimanalmente.

È anche possibile consultare la cronologia delle pulizie recenti. È una buona idea quando si vuole controllare la traiettoria e gli spazi che sono stati puliti.

Per quanto riguarda la cartografia, la scheda “Le mie mappe” consente di scegliere la mappa desiderata. La mappa deve essere creata e memorizzata in precedenza. Pur essendo molto utili, le mappe del Neato mancano di dettagli, ma sono perfettamente utilizzabili.

Un altro problema è che il robot non nessuna mappatura in tempo reale. In questo modo sarà impossibile sapere esattamente quale stanza il robot sta pulendo in un determinato momento. Purtroppo, la nozione di controllo perde tutto il suo significato.

Intervista

manutenzione-robot-aspiratore-robotica

La manutenzione del Neato Robotics D9 è semplice. Per separare il collettore dal robot, è necessario rimuovere una piccola parte del cofano. L’aspetto più sorprendente è il volume del collettore, che è di 0,7 litri, mentre altri marchi hanno solitamente 0,5 litri.

Quando si tratta di smaltire i rifiuti, rimuovere con cura il sistema di filtraggio del collettore. Ricordate che i filtri, per quanto piccoli, si intasano rapidamente. Fate attenzione alle mani, che possono imbrattarsi di particelle di polvere se passano diversi giorni senza svuotarle.

Per evitare questo problema, si consiglia di rimuovere il filtro prima di svuotare il contenuto dal collettore Il filtro trattiene molto particolato, quindi è meglio ricordarsi di spolverarlo e pulirlo regolarmente. Poiché il filtro trattiene molte particelle, è necessario ricordarsi di spolverarlo e pulirlo regolarmente da cima a fondo, altrimenti l’aspirazione ne risentirà.

Sulla pancia della macchina è presente una mini spazzola laterale. È responsabile di portare i rifiuti all’apertura di aspirazione. Il pennello principale è più grande.

È necessario rimuovere la spazzola e allo stesso tempo togliere la griglia di cui è ricoperta per rimuovere i capelli o le fibre che vi sono rimasti attaccati. Realizzato con setole in nylon e silicone, non sarà difficile rimuoverlo. Soprattutto, ricordate che i danni a un robot iniziano con una manutenzione poco attenta.

I diversi accessori di Neato Robotics D9

accessori-neato-D9

Quando si acquista il robot, si ricevono gli elementi necessari per il suo utilizzo. Pensando che il produttore avrebbe fatto molto meglio, abbiamo trovato il pacchetto abbastanza equo. Avremmo pensato di aggiungere un gadget speciale per la pulizia delle spazzole. I due filtri HEPA consentono di sostituirli facilmente in caso di necessità.

  • Un aspirapolvere NEATO D9
  • Una stazione di ricarica Slimline
  • Un cavo di alimentazione (2 m)
  • Due filtri HEPA ad alte prestazioni
  • Una spazzola per la pulizia
  • Spazzola laterale
  • Un opuscolo.

Neato Robotics D9 vs Neato Robotics D10: quale acquistare?

DesignI due gioielli Neato sono tutti molto eleganti. Il look “nero spazzolato” del D9 e il look “nero argento” del D10 enfatizzano i contorni della forma a D pur rimanendo sobri.

In termini di prestazioni di aspirazioneVa da sé che il D9 è tecnologicamente indietro rispetto al D10. Il D9 può essere lento e non in grado di aspirare tutto come il D10. Il D10 offre risultati molto migliori su pavimenti duri e tappeti, rimuovendo il 96% dei rifiuti in meno tempo.

Questo lo pone direttamente al vertice dei robot aspirapolvere Neato in termini di efficienza di aspirazione. Allo stesso tempo, la potenza di aspirazione è molto più forte di quella dei suoi concorrenti.

Per la navigazione e la connettivitàDalla creazione di zone virtuali alle routine di pulizia e alle notifiche, è chiaro che i pavimenti vengono gestiti meglio con il D10. Come bonus, il progettista ha potuto aggiungere una modalità speciale per gli animali e le zone vietate, che non sono presenti sulla D9.

E non è tutto: con la D10, il marchio è finalmente in grado di mappare con maggiore precisione, anche in condizioni di scarsa illuminazione. Anche il sistema di navigazione è stato migliorato.

Altre caratteristicheD10: anche in termini di rumore, il D10 è meno rumoroso. La spazzola multiuso riduce di circa il 50% l’emissione di rumore sui pavimenti duri. Anche l’autonomia è stata rivista e ora raggiunge i 230 minuti. Ciò che la D9 è stata criticata per la sua lentezza, la D10 l’ha corretta perfettamente.

Anche se il prezzo può sembrare più allettante, prima diacquistare il Neato Robotics D9Se state cercando un nuovo robot, tenete presente che impiegherà più tempo per aspirare tutto e potrebbe non avere una navigazione esemplare. Quindi, vi consigliamo di acquistare il Neato Robotics D10 che è ancora come il suo predecessore in promozione.

Yeedi Vac: aspetti positivi e negativi

Punti positivi

  • Forma a D per l’accesso agli angoli
  • Grande volume del collettore
  • Rotolo più grande della media.

Punti negativi

  • Navigazione casuale
  • Nessuna mappatura in tempo reale.
Default image
massimo