Recensione del Dreame D9 Max: potenza del vuoto in un grande formato!

Il Dreame D9 Max è uno dei più potenti aspirapolvere sul mercato. Il marchio esiste da molto tempo ed è in costante miglioramento, con i risultati più inaspettati fino ad oggi.

Questo prototipo ha molto da offrire con una pulizia di qualità superiore. Dopo diverse prove, eravamo ansiosi di testare il prodotto. Solo per verificare i diversi progressi rispetto ai concorrenti e le esigenze degli utenti. Sedetevi e scoprite come abbiamo realizzato la nostra recensione del Dreame D9 Max.

Caratteristiche e specifiche

Pressione di aspirazione 4000 Pa
Peso 4,5 kg
Livello di rumore 65-70 dB
Serbatoi Un serbatoio di scarico: 0,57 L
Un serbatoio d’acqua: 0,27 L
Autonomia

150 min

Funzioni collegate – Amazon Alexa
– Assistente Google
– Applicazione Dreame
Tecnologie integrate – Sensori anticollisione e anticaduta
– Mappatura LiDAR
– Navigazione intelligente SLAM
Funzione mop
Pulizia programmata
Ricarica automatica
Tipo di batteria Litio
Dimensioni (LxLxH)

46,29 x 39,29 x 9,62 cm

Pulizia delle superfici Tutte le superfici: piastrelle, parquet, marmo, moquette, ecc.
Opuscolo Leggi l’avviso
Garanzia 2 anni

Vi presentiamo l’aspirapolvere robot Dreame D9 Max 2 in 1

Va detto che questo robot è semplice e robusto! Ha sicuramente una bella finitura e un allineamento dei contorni impeccabile. Disponibile in bianco e nero, siamo stati più attratti dal colore nero che limita anche le impronte digitali. Non passerà inosservato nel mezzo di un arredamento.

presentazione-Sogno-D9-Max

Si tratta di un robot compatto. Ma è comunque necessario avere uno spazio per riporlo. Fino a 4,5 kg, il progettista ha finalmente fatto le cose per bene. Si tratta di 1,5 kg in più rispetto al Proscenic 850T.

Con un’altezza di 9,62 cm, è anche un po’ più spesso della concorrenza. Ma non importa, si adatta a mobili e divani un po’ più alti. Inoltre, è dotato di due serbatoi. Un serbatoio dei rifiuti da 0,57 L e un serbatoio dell’acqua da 0,27 L.

[Vidéo Commodité d’emploi]

Comodità d’uso

Un processo classico, tipico dei robot che costano meno di 100 euro. Aspiratore Dreame D9 Max ha un telecomando. A ciò si aggiunge l’applicazione Dreame che ne facilita l’utilizzo tramite smartphone. Entrambe le cose fanno di questo robot un dispositivo che non risente della distanza e certamente non di un’interferenza malfunzionante.

Il telecomando consente di regolare la potenza di aspirazione in base all’area di pulizia. Le impostazioni sono molto semplici da effettuare: avvio, programmazione, ritorno al carico… Il robot è anche compatibile con il programma controllo vocale per un’esperienza migliore.

Inoltre, la configurazione di pareti virtuali e di aree riservate offre la possibilità di vietare alcune zone al robot. Immediatamente collegato al sistema Echo Dot, reagisce alla voce dell’utente. Importante: il collegamento funziona solo con una rete Wi-Fi a 2,4 GHz. Anche se non presenta grandi difficoltà, è meglio rispettare le prescrizioni.

Se è versatile, è grazie alla sua speciale funzione di lavaggio. Il marchio Dreame non si reinventa, ma si innova e si migliora. Anche il sistema di navigazione avanzato aiuta molto in ogni operazione di pulizia. Il le traiettorie sono ben controllatecosì come i movimenti.

D’altra parte, se è chiaro che l’aspirapolvere sta facendo del suo meglio, tanto vale aiutarlo a farlo rimuovendo qualsiasi oggetto inappropriato nel suo percorso. Si fa riferimento ai vari cavi e fili, non c’è bisogno di metterlo in situazioni difficili.

Capacità di aspirazione: cosa aspettarsi da 4000 Pa?

robot di pulizia-aspirazioneBuona navigazione per aspirare ogni area

No, non stai sognando! Sotto il cofano di questo aspirapolvere si parla di 4.000 Pa come pressione di aspirazione. Ricordate che i dati buoni per ottenere risultati superiori alla media sono compresi nell’intervallo tra 2.000 e 2.500 Pa. Anche il noto Ultenic T10 eroga 3000 Pa. Potete già farvi un’idea di ciò che ha in serbo per voi.

Con questa potenza pulisce molto bene i tappeti. I peli di animali domestici e le particelle di polvere saranno completamente aspirati. I pavimenti duri vengono inoltre privati di tutti i rifiuti che si trovano sul loro percorso. Se c’è una cosa da notare, è che non ci aspettavamo una tale abilità.

Sulle piastrelle aspira il 99% dei residui Tutto lo sporco è sparito. Tutto lo sporco scompare, senza dover andare avanti e indietro con la macchina. Il risultato è lo stesso sui tappeti, siamo più che soddisfatti.

Il robot aspirapolvere è progettato con un Funzione antigroviglio sul pennello. In questo modo la manutenzione sarà molto più semplice e migliorerà la capacità di aspirare senza problemi capelli e peli di animali domestici.

Sfortunatamente, durante il nostro test, abbiamo riscontrato che aveva difficoltà ad entrare in curva. Come la maggior parte dei robot, non gliene faremo una colpa. Rimaniamo convinti che abbia il suo posto tra i più efficienti sul mercato, proprio come l’iRobot Roomba 971, che costa di più.

Funzione di lavaggio

pulizia-acqua-bitPortata d’acqua regolabile in base al terreno

L’opzione di lavaggio del robot aspirapolvere Dreame D9 Max era stata annunciata al momento della sua uscita, ma si mantiene timidamente con una capacità di 0,27 litri. Nonostante il fatto che un po’ di sporco tenda a rimanere lungo i battiscopa, i risultati di lavaggio sono nella media.

Il punto molto importante è che il il robot non inonda il terreno al suo passaggio. Anche quando lo si porta al livello massimo di flusso, non lascia fuoriuscire l’acqua. Una buona iniziativa per chi utilizza grandi superfici di pavimenti prevalentemente in parquet.

La ciliegina sulla torta è che la funzione di lavaggio ha 3 livelli di flusso d’acqua. In questo modo è possibile regolare il volume d’acqua necessario all’applicazione per ogni tipo di pavimento. Ad esempio, per i pavimenti in parquet, il livello di flusso 1 è più che sufficiente.

Il lavaggio è sempre una buona idea quando si vuole eliminare la polvere. I risultati vi daranno almeno un po’ di soddisfazione. Tuttavia, è bene tenere presente che, come l’Ecovacs Deebot N8 Pro+, la pulizia del D9 Max non sostituisce il buon vecchio metodo di pulizia.

Le macchie più ostinate, rimaste impresse per lungo tempo, difficilmente verranno via. Il fatto è che le salviette non sono progettate per lavare i pavimenti. Si puliscono o si cancellano semplicemente.

Sistema di navigazione

Veniamo ora al punto principale del test: come si muove il robot? Abbiamo iniziato con una stanza piena di ostacoli. Il risultato è positivo: il robot inizia a controllare i dintorni del perimetro. Controlla le diverse estremità prima di seguire un percorso serpentiforme.

La prima osservazione è che il robot impiega diversi secondi per girare intorno alle gambe di mobili e sedie. Ne abbiamo avuto la conferma quando si è trovato davanti allo stendibiancheria sulla nostra superficie di prova. Nonostante ciò, è riuscito a evitarli per poter riprendere tranquillamente il suo cammino durante le pulizie.

navigazione-avancee-d9-maxBuon sistema di navigazione per evitare gli oggetti

Per ottenere una mappatura così buona in ogni stanza, il robot è dotato di una navigazione LiDAR avanzata e di una navigazione SLAM intelligente. Inoltre, i sensori intelligenti avanzati consentono al robot di evitare collisioni e cadute sulle scale.

Per passare da un pavimento duro a una moquette, lo spessore deve essere inferiore a 2 cm. Al di sopra di questa soglia, diventa difficile salire da soli sul tappeto. Tuttavia, il Gli spazi bui sono difficoltà reali per questo robot.

L’aspirapolvere Dreame D9 Max lo considera un buco. Ricordatevi quindi di illuminare le stanze se avete intenzione di pulire mentre siete via. A differenza di iRobot Roomba 3+, il movimento del D9 Max è molto più sofisticato e affidabile.

Livello di rumore

Le diverse modalità di questo robot aspirapolvere ci permettono di capire quanto possa essere mutevole. Partendo dalla modalità più bassa, i dati raccolti si aggirano intorno ai 60 e 62 dB. In modalità media, raggiunge i 65 dB. Con la modalità di pulizia intermedia attivata, abbiamo registrato 67 dB.

Infine, i 70 dB generati dalla modalità Turbo ci fanno capire che il robot non è silenzioso. Se si pensa a un motore così potente, è facile capire perché.

Se consideriamo il livello di aspirazione più basso, è di 60 dB. Tuttavia, un altro modello del marchio, il robot Dreame F9, ha un valore di 52 dB. Il D9 Max non è rumoroso, ma produce rumori evidenti quando viene attivato alla massima potenza.

Autonomia

Come il suo predecessore, la batteria è da 5.200 mAh, la durata in condizioni di pulizia completa è nella media. Stimato in circa 150 minuti di lavoro completo, abbiamo sicuramente saputo fare di meglio, ma abbiamo anche apprezzato la performance. Al termine del lavoro, il robot aspirapolvere 2 in 1 torna alla stazione per essere pronto per il turno successivo.

È chiaro che questa autonomia non sarà sempre adatta alle grandi case. Quindi, se avete 180 m2 da pulire con la massima potenza, non arriverete nemmeno a 55 minuti.

Applicazione e connettività

Innanzitutto, la schermata iniziale dell’app è intuitiva. Anche le mappe sono ben fornite con tutti i dettagli relativi. Il Dreame D9 Max può memorizzare più di una mappa nella memoria dell’applicazione. La sezione di personalizzazione offre la flessibilità di dividere gli ambienti in zone diverse.

Per facilitare la comprensione, vi consigliamo di collegare le diverse stanze in una sola. Una volta terminato, assegnate il nome che desiderate. È inoltre possibile accedere ai diversi aree considerate “proibite” e muri virtuali. Spetta all’utente decidere se un’area della stanza non deve essere attraversata dal robot.

alexa-robot-lavatrice-d9-maxConnettività con Amazon Alexa e Google Assistant

La mappa viene generata automaticamente alla prima accensione del robot. Determina inoltre la sequenza delle parti selezionate per la pulizia. La modalità “Tutti attiva il robot per pulire tutto ciò che vede.

Ma è possibile disegnare una sorta di rettangolo come confine manuale dell’area di lavoro. Naturalmente, è presente la disponibilità di comandi: Alexa, Google Home. Nel complesso, l’applicazione Dreame D9 Max consente di pianificare le pulizie su più giorni, anche quando si è fuori casa.

Una volta collegati, ecco alcuni esempi di comandi vocali tramite Alexa o Google Home:

  • Iniziare la pulizia
  • Ritorno al carico
  • Lavoro sospeso
  • ecc.

Manutenzione

Ebbene, la ripetizione non sbaglia mai. Per una migliore manutenzione, è necessario prendersene cura, altrimenti non si otterrà nulla dal proprio investimento. Considerato il prezzo del Deame D9 Max, tanto vale fare la propria parte per preservarlo.

Il 0,57 L Raccoglitore di rifiuti è il primo elemento da considerare subito dopo un ciclo di pulizia. È accessibile sotto il robot. Inclinandolo leggermente, sarà possibile rimuoverlo. Almeno non presenta il rischio di fuoriuscita di nubi di polvere.

robot di manutenzione-vuoto-D9-MaxFacile accesso a spazzola e mop

Inoltre, assicuratevi di tenerlo abbastanza saldamente per essere sicuri. Lo stesso vale per il serbatoio dell’acqua. Dopo o prima di utilizzare la funzione di lavaggio, verificare che sia ben chiuso. L’unica aggiunta è il panno di pulizia, che deve essere rimosso immediatamente dopo aver interrotto la pulizia.

Rimuoverlo è altrettanto facile che montarlo. Rinnovabile, evitare il lavaggio e il riutilizzo delle mani. Utilizzare invece un’idropulitrice per assicurarsi che tutti i batteri e lo sporco vengano rimossi. Anche la spazzola centrale deve essere costantemente spolverata.

Accessori Dreame D9 Max

In tutta onestà, la componente accessoria presente sul mercato definisce anche l’attenzione prestata ai vari reclami degli utenti. Tuttavia, abbiamo trovato il pacchetto piuttosto elementare e non abbastanza ricco per un marchio di questa levatura.

  • Una base di ricarica
  • Un cavo di alimentazione
  • Una salvietta per pulire
  • Il piccolo strumento per la pulizia della spazzola
  • Manuale Dreame D9 Max

Dreame D9 Max vs Dreame D9: quale acquistare?

Il Dreame D9 Max e il Dreame D9 che abbiamo già testato rappresentano con orgoglio il marchio. Tutto indica che entrambi sono ugualmente interessanti. L’unica differenza è che il D9 Max è una versione migliorata del D9. Ci chiediamo quale sia il modello da acquistare.

Con design e supporti simili, i Dreame della filiale Xiaomi riescono entrambi a superare gli ostacoli. Solo la versione Max è più spessa di 1 cm rispetto alla D9.

L’aspetto più importante per un robot aspirapolvere: la navigazione. Tutti condividono un processo e una funzionalità simili. Ma non negheremo che le versioni migliorate aggiungono sempre un certo valore a quella precedente. Ad esempio, il D9 Max offre maggiore precisione e scelta in termini di personalizzazione.

Per quanto riguarda l’aspirazione, i 4.000 Pa del Max parlano chiaro. Sebbene le prestazioni del D9 siano ancora molto buone, la pulizia di questa nuova versione è notevole. Inoltre, la copertura dell’area è migliore con il Max, 180 m2 rispetto a 160 m2. Quindi l’acquisto del Dreame D9 Max è ancora la scelta migliore.

Dreame D9 Max: punti positivi e negativi dell’aspirapolvere

Punti positivi

  • Navigazione completa
  • Elevata potenza di aspirazione
  • Pulizia eccellente su pavimenti duri e tappeti
  • Buona gestione degli ostacoli

Punti negativi

  • Non pulisce al buio
  • Un po’ rumoroso
Clemente Biondo
Clemente Biondo
Clemente Biondo

Sono il proprietario e probabilmente colui che scriverà più spesso qui (scusate in anticipo!), dopo aver testato più di 100 aspirapolvere, sono in grado di dire entro i primi 5 minuti quanto è buono un aspirapolvere. Alcuni dicono che sia un superpotere...